El Vangel

Zaccheo

A Gerico, città de la Giudea,
el Signor l’è rivaa vers i des or.
El cercava de andà in piazza Taddea
dove gh’era la banda a fagh i onor.
Poeu, in faccia al sindich e a la soa miee
l’ha dii: «Zaccheo, ven giò, perchè a mezzdì
appenna gh’è finii sto gazaghee
gh’hoo de vegni a disnà propi in de ti».
Ma gh’era intorna a Lu on bordell de gent
che le lassaven nanca camminà.
«Viva el Maester!» vosaven content
e per vedèll ghe traven a ruzzà.
Ciappaa in castagna, lù, sto poer omett
on poo stremii, per di la verità,
l’è andaa de corsa a preparà el paccett
e a dà la cera in sala de disnà.
Anca el Zaccheo, che l’era l’esattor
tant piscinin ch’el ciamaven «Tassell»,
el voreva vardà in di oeucc quel scior
per saludall e per podè fass bell.
Tucc i notabil, scriba e farisei
per l’invidia diseven tra de lor:
«Ma el Maester gh’aveva nient de mej
che andà a trovà a cà soa quel peccator?»
E vist che l’era propi cattiv fà
a passà sotta i gamb de mezz paes,
lu l’ha decis che forsi a rampegà
l’era pussee dignitos e borghes.
ma intant Zaccheo, con tutta serietaa,
el prometteva: «De tutt quel che gh’hoo
voeuri dànn via a la poera gent metaa.
E se hoo fregaa on quajvun, appena el soo
Inscì l’è andaa de corsa in sul curvon
e l’è montaa su ona brocca del nos
de manera de vess in posizion
per vedè ben e per senti la vos.
ghe daroo indree quatter volt la robada».
El Signor el gh’ha dii: «De bon, incoeu
in questa cà la Grazia l’è rivada,
e Abramo el podaria ciamatt sò fioeu.
E, spetta che te spetti, finalment
a furia de ruson anca el Signor
l’è rivaa lì. L’ha vardaa iri su on moment
e l’ha dii: «Oh bella, te’l chi l’esattor!»
La gent o ben o mal gh’ha de capì
che mi son vegnuu in terra per cercà
quel che l’era perduu, e a fàgh dì de sì
a tucc quei che sann pù come se fà
El Vangel per el dì d'incoeu Nel corso della sua attività missionaria, padre Edo si è accorto che le parole del Vangelo tradotte nel dialetto Acioli della sua gente acquistavano un sapore e uno spessore nuovo. Così, a migliaia di chilometri da Milano, ha voluto rendere accessibile anche alla gente della sua “tribù” di origine la vivezza del Vangelo e degli Atti degli Apostoli e li ha pubblicati in quattro volumi di poesie in dialetto milanese.

El Vangel per el dì d'incoeu

El Vangel per el dí d’Incoeu

El Vangel per el dí d’Incoeu 2

Novità. El Vangel per el dí d’Incoeu 3

La Gesa e la Soa Mamma

I quatter coronn del Rosari

Chi volesse acquistare questi libri può telefonare allo 02/54120526

oppure scrivere a padre Edo

Scarica il PDF